Categoria: Diritto Sindacale e dello Sciopero

Il diritto sindacale è quella branca del diritto che studia la figura del lavoratore da un punto di vista collettivo: oggetto dello studio della disciplina sono tre argomenti principali: le organizzazioni sindacali, lo sciopero e il contratto collettivo di lavoro. Inoltre sono materia di diritto sindacale i diritti di attività e libertà sindacale dei lavoratori. I diritti dei dirigenti sindacali. I diritti delle organizzazioni sindacali nei confronti delle aziende. I diritti degli scioperanti e i limiti allo sciopero.

Il diritto sindacale è menzionato anche nella Costituzione della Repubblica italiana del 1948. Fondamentali al riguardo sono gli artt. gli 39 e 40.
Mentre il secondo riconosce il diritto di sciopero, il primo getta le basi essenziali e fondamentali dell’attuale diritto sindacale e quindi di tutto il diritto del lavoro. Introduce il principio fondamentale di libertà sindacale: “l’organizzazione sindacale è libera”, recita il primo comma dell’art. 39 e da questa norma deriva anche il pluralismo sindacale. La libertà sindacale e la possibilità di costituire più sindacati sono a fondamento di ogni sistema democratico. Un enorme passo in avanti venne compiuto nel 1970, con l’emanazione del cosiddetto Statuto dei lavoratori che costituì una delle norme fondamentali anche e soprattutto per il diritto del lavoro.

I BUONI PASTO NELLA PA NON SONO DOVUTI AI LAVORATORI IN SMART WORKING DURANTE IL PERIODO DELL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA.
SINDACATO NEGLI STATI UNITI: PRESENTE, PASSATO, FUTURO NELLA RIFLESSIONE DELLA DOTTRINA STATUNITENSE
Parità di trattamento dei sindacati e trattativa su “tavoli separati”
Torna in alto
Call Now ButtonChiama Ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: