Covid: proroghe Forze di polizia, Forze armate e Corpo nazionale dei vigili del fuoco

Le disposizioni dell’articolo 87, commi 6 e 7 del D.L. 18/2020, che consentono di effettuare gli accertamenti diagnostici del personale delle Forze di polizia, delle Forze armate e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ai rispettivi servizi sanitari sono state prorogate ora al 31 dicembre 2020.

In particolare, fuori dei casi di assenza dal servizio per malattia o quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva dovuta a COVID-19, è consentito ai responsabili di livello dirigenziale di uffici e reparti delle Forze di polizia, delle Forze armate e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco di dispensare temporaneamente dalla presenza in servizio il relativo personale, sulla base di specifiche disposizioni impartite dalle amministrazioni competenti e per ragioni comunque riconducibili alla situazione emergenziale connessa con l’epidemia in atto,. Il periodo di dispensa temporanea dal servizio è considerato come congedo/licenza straordinaria, ma non è computabile nel limite dei 45 giorni annuali.

Inoltre, nello stesso periodo, il personale già in servizio assente dal servizio per malattia o quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva dovuta a COVID-19, fino al 31 dicembre 2020, può essere collocato d’ufficio in licenza straordinaria, in congedo straordinario o in malattia, restando detti periodi esclusi dal computo ad altri fini, tra cui il comporto.

Peraltro, occorre considerare quanto disposto dall’articolo 37 ter, lett.b), del dl 104/2020 (alla cui scheda di lettura si rinvia), recentemente convertito in legge, che introduce nell’Allegato 1 del dl 83/2020 il numero 16-ter, prorogando gli effetti dei commi commi 6, 7 e 8 del predetto art. 87 “per la durata dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e fino al permanere di misure restrittive e di contenimento dello stesso e comunque non oltre il 31 dicembre 2021”, in base al meccanismo di scorrimento che sta caratterizzando la dichiarazione dello stato di emergenza stessa.

Riccardo Fratini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
Call Now ButtonChiama Ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: